“Dove vai per Pasqua e Pasquetta?”, forse è la domanda che si sente più spesso fra parenti ed amici in questo periodo dell’anno… Già, perché il giretto fuori porta è un vero e proprio must pasquale.

Ma le cose non accadono mai per caso, e allora mossa dal mio spirito di curiosità ho cercato di scoprire se ci fosse una ragione storica che spiegasse questa tradizione. E in effetti una ragione precisa c’è: il giorno di Pasquetta trova le sue origini nella volontà di ricordare i due discepoli, in viaggio verso Emmaus, ai quali Gesù è apparso il giorno della Resurrezione. Per ricordare questo viaggio quindi è nata la tradizione di fare una scampagnata fuori porta!

Così per questo Lunedì dell’Angelo (questo il vero nome del giorno di Pasquetta), la mia scampagnata fuori porta mi ha portata a Montecarlo, capitale europei dei divertimenti, del gioco d’azzardo e della… fortuna. Fra bellissime decorazioni e uova di pasqua giganti, un bigliettino riportava un antico proverbio svedese: “non basta essere fortunati, bisogna anche avere la fortuna di rendersene conto”.

– TUTTO QUELLO CHE TI SERVE E’ DENTRO DI TE –